lunedì 6 ottobre 2008

Trent'anni fa... Jacques Brel

credits: foto prelevata dal sito: http://www.blog.libero.it

Jacques Romain Georges Brel (arietino belga del '29, scomparso all'età di 49 anni a Bobigny) è una delle colonne sonore della mia vita.

Non soltanto per le canzoni, ma anche e soprattutto per lo sguardo che posava sulla sua terra d'origine le plat pays, il Belgio (e in fin dei conti, Villerupt - mia città natale - non è molto diversa).

Di certo non bello, fu marito fedifrago e padre assente ma severissimo, uomo per cui contavano solo gli amici, la musica, e tirar tardi fin oltre l'alba. Non proprio un bell'esempio. Eppure, ci ha lasciato musiche e parole indimenticabili.

Alla Adriano Celentano, oltre a cantare ha anche fatto film, di cui in genere si ricorda solo L'Emmerdeur. Poi 4 anni prima di morire, molla tutto e parte con un'attricetta conosciuta sul set di un film per le Isole Marchesi (Ile Marquises, in Polinesia), a bordo di un bimotore. Ma è già malato, gravemente (cancro ai polmoni).

Il 7 ottobre 1978 viene rimpatriato d'urgenza e il 9 muore di embolia polmonare.

Riposa accanto a Paul Gauguin (ad Atuona,Hiva Oa nell'arcipelago delle isole Marchesi).

Metto qualche sua canzone, qui di seguito.

Quand on n'a que l'amour (1957):



Ne me quitte pas (1959):



La valse à mille temps (1959):



una divertente (ma anche feroce), Les Flamandes (1959):




e infine Le plat pays qui est le mien (1962), la mia preferita:

3 commenti:

Elsa ha detto...

Trent'anni fa .... Eh oui!

Artemide_Diana ha detto...

T'as raison : 30 années, pas 20 !

Artemide_Diana ha detto...

J'ai lestement changé de titre : que le temps passe vite !