mercoledì 11 giugno 2008

DOLAC, IL mercato di Zagabria

Bene, oggi parlo del Dolac.

Lo vedi qui sopra: è il mercato. Oddio, non che ci sia un unico mercato all'aperto, a Zagabria. Basta spostarsi di neanche 100 metri e trovi quello di Britanski Trg, per esempio.
Ma il Dolac è il Dolac. Non devi nemmeno aggiungere la parola mercato (tržnica).

- Kamo ideš ? (= Dove vai?)
- U Dolac. (= Al Dolac)

Dolac si legge Dòlaz (con la zeta dura, come nella parola: attenzione) e insomma, io stavo bene, quando andavo a far la spesa lì.

Mi piaceva parlare coi contadini - più spesso contadine - dello Zagorje, dire i numeri come li dicono loro (si mangiano le vocali, in una lingua di già così parca), cercare le verdure dell'orto, comprare un chilo di scampi, portarmi a casa i peperoncini piccanti.

E poi fermarmi dal panettiere, sulla piazzetta (da dove ho scattato la foto) che mi vendeva il burek sa mesom (cfr. ricetta sul blog in fondo a questo post). E poi preparare štrudla, lo strudel di mele, con miele, noci, marmellata, pinoli e tanta tanta cannella. Peccato non aver mai imparato a fare l'orehnjča (dolce con le noci).

Com'erano buoni i
ćevapčići
con pane tondo e cipolle nel ristorantino del Dolac.



....................
Cliccare qui sotto per la ricetta,prelevata dal blog di lilium (qui a destra nell'elenco blog preferiti):
ricetta burek con carne


5 commenti:

fiamma ha detto...

il burek con la carne! i cevapcici (su questa tastiera non ho gli accenti giusti)!
arrivo qui dal blog di bart e trovo queste meraviglie:)

Artemide_Diana ha detto...

Eh. Però la sarma non mi piace, fiamma.

fiamma ha detto...

a me sì. cioè, quella che fa la mia ex suocera sì- le altre non so:)

Artemide_Diana ha detto...

Capisco.

La mia amica Sandra (per me, una figlia) la prepara benissimo, ma per me è comunque troppo pesante.

fiamma ha detto...

eh, in effetti non credo che un qualunque dietologo o gastroenterologo la consiglino;)
(ma le cose buone di quelle parti lì non è che brillino per leggerezza)