lunedì 22 settembre 2008

Melancholia

Albrecht Dürer (Melancholia, 1514)
immagine prelevata dal sito http://www.arthistory.about.com


Cecco Angiolieri (Siena, 1260-1312)

Sonetto

La mia malinconia è tanta e tale,
ch’i non discredo che, s’egli ‘l sapesse

un che mi fosse nemico mortale,
che di me di peta(de) non piangesse.

Quella, per cu’ m’aven, poco ne cale:
ché mmi potrebbe, sed ella volesse,
guarir ‘n un punto di tutto ‘l mie male,
se della pur “ I t’odio “ mi dicesse.

Ma quest’è la risposta c’ho da llei:
che della nommi vòl né mal né bene,
e ched i’ vad’ a far li fatti mei,
ch’ella non cura s’i’ ho gioi’ e pene,

men ch’una paglia che lle va tra ’ piei.


Mal grado n’abbi’ Amor, ch’a lle’ mi diène.

___________

Eh.

(Ricordo che al liceo l'avevo pure messa in musica. Forse è per questo che è l'unica poesia che ancor oggi possa recitare a memoria. Ma solo se la canto.)



3 commenti:

Bartleboom ha detto...

Orsù, un abbraccio!

isottanews ha detto...

Ciao Jacky. per fortuna che esisti.
Oggi ero a pezzi. Allora pensavo : poi chiamo Jacqueline.
Poi, anche se non ti chiamo...Insomma, una sta meglio a sapere che ha qualcuno di bello e importante da chiamare.

Come si mettono i cuoricini?

Nino nino

Artemide_Diana ha detto...

clicchi SIMULTANEAMENTE su Fn (in basso a sinistra, vicino ad ALT - almeno nel mio notebook) + ALT (sempre quello di sinistra) + L (minuscolo)

Fn + alt + l

(sto scrivendoti mail)

♥♥♥