venerdì 4 luglio 2008

Quando il mio uomo sta giù

Vorrei cantargli questa canzone...

Stasera te la dedico, va'...
[solo che la vita non mi ha (ancora?) deluso.
E - soprattutto - non mi hai deluso tu]

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Bellissima. Chi la riceve non può che essere un uomo fortunato.

fiammetta ha detto...

secondo me è più una canzone per un ex che si è molto, moto amato.

Artemide_Diana ha detto...

Fiammetta cara (che bello leggerti),
sai che io non l'avevo nemmeno capito, che era riferita a un ex?

Da questa canzone ho preso solo quel che volevo intendere io (lo faccio spesso): la mia disponibilità incondizionata ad essere accanto al mio uomo, sempre pronta a soccorrerlo coi miei consigli e col mio corpo.

Il fatto che stiamo insieme da 20 anni non esclude che il talamo sia ancora molto importante per noi.

E soprattutto resta intatta la mia titanica esigenza di prendere le cose in mano e agire, risolvendo i problemi altrui. Anche i suoi.

Lui lo sa; è così che funziona tra noi: quando uno dei due è abbattuto, l'altro gli tende la mano e gli dice:

"Dài, non ti preoccupare, vieni da me, io sono qua".

:)))