giovedì 28 agosto 2008

Al Tre Fontane (Atletica leggera) - Roma EUR

me (ventenne) da " Coppo"

A volte, allimprovviso, quasi a tradimento, arrivano odori che mi riportano indietro nel passato.

Raramente me ne giunge uno che mi rimanda con la mente al tempo dellatletica leggera, quando militavo nelle file del CUS ROMA.

La mia specialità erano gli 800 metri.

Non fu una vocazione, né un dono di natura.

Volevo fare uno sport e non cerano soldi in casa per frequentare piscine o corsi a pagamento qualsiasi. Fossi stata un ragazzo, avrei dato calci a un pallone. In alternativa, avevo un amico (Rino. Oggi è professore di educazione fisica) che correva per il Don Bosco di Roma e si allenava con Mr. Bianchi, ex maratoneta, sulle piste del Tre Fontane, allEur. Andai anchio.

Fui sottoposta a un test di velocità. 100, 200, 400. Non ero una velocista di natura.
In questi casi, inutile perdere tempo, non migliorerai mai. Ma avevo una bella falcata, un fisico longilineo: provammo cogli 800. Divenne la mia gara.

Ho corso per 5 anni. Tutti i giorni. Cinque ore al giorno.

Ho fatto tutte le gare che occorreva fare: provinciali, regionali, nazionali.

Ho corso anche il cross. Corsa campestre, si diceva allepoca. Ebbi lonore di gareggiare con Gabriella Dorio (una gran donna).

La mia dieta era di 5000 calorie al giorno, mi feci gli addominali e possenti muscoli sulle cosce e sui polpacci.

Macinavo chilometri su chilometri. Sempre in slip, scarpe da corsa e quelle chiodate (tutto Adidas, e gratis: un lusso, per me) con magliettine attillate giallo CUS, tuta azzurrissima con una banda gialla lungo le braccia e le gambe (e chi se la metteva mai? Per questo, lo sport mi regalò i reumatismi). E infine la sacca della società, l'immensa (a me pareva tale) sacca blu con il marchio CUS ROMA in giallo (da giovani, si è contro tutto e parallelamente - ossimoricamente - si vuole appartenere a un gruppo, far parte di una comunità).
Quando ebbi in dotazione tutto ciò, mi parve di toccare il cielo con un dito, per la felicità.

Non ricordo le diete, né le sudate.

Ricordo il terreno sotto ai miei piedi

lodore dellerba bagnata

le lezioni scolastiche ripetute ad alta voce correndo

quelle sui libri nel percorso del tram e nel 93 (poi 671)

i permessi dei proff del mio liceo per svolgere i compiti scritti di tutta una settimana concentrati nella domenica pomeriggio

il guaio di essere andata in iperallenamento, con conseguente caduta durante una batteria di 10x200 e rottura dello scafoide (mano destra)

le gare col gesso, i compiti in classe col gesso

le gare non vinte

alcune medaglie (da secoli perdute nello sgabuzzino della casa materna)

un giudice dire che ho un bellissimo passo

la forza di volontà a non mollare mai

lassoluta mancanza di ambizione, ma la tenacia di non smettere

le chiacchiere con le amiche col cuore in mano (Tamara Pamich e Chiara Castellani: luna figlia del grande Abdon, oggi divenuta medico sportivo; laltra medico volontario prima in Nicaragua e poi in Africa)

gli innamoramenti sulle piste

lassoluta assenza di pudore (amavamo il nostro corpo; se fossi dovuta uscire dagli spogliatoi nuda, non mi sarei vergognata granché)

la fatica

il vento, la pioggia, il caldo, la grandine

e dopo 5 anni di questa vita, la consapevolezza che non sarei diventata una campionessa mondiale.


Infine, labbandono.

Non sono più entrata nel campo delle 3 Fontane, mai più calpestato il suo tartan.

Non ho più corso.
Se non appresso agli autobus.


20 commenti:

marella ha detto...

Anche tu Proustiana! Bene, bene!
Mi interesserebbe la dieta da 5000 calorie. Così, solo per sognare. Io ormai sono ridotta ad un pugno di riso anche scondito.
Bella la foto.
Mbciù!

Artemide_Diana ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Artemide_Diana ha detto...

Baci a te.
Tra un po' passo anch'io al pugno (di riso).

(Non avevo capito il riferimento a Proust, poi ho riletto il testo. Già, per lui era il sapore; con me funziona a odore..)

Bartleboom ha detto...

Bellissimo leggere le tue gesta sportive! Fibre rosse anziché bianche dunque, eh?
E poi Gabriella Dorio, quante emozioni ha dato anche a me vederla correre..
Ma sei una donna dalle mille sorprese (questo però mi sa che te l'ho già detto)

Artemide_Diana ha detto...

Guarda, Bart, io non corro più da 30 anni, ma ogni tanto, quando provo, un'oretta la faccio senza problemi...

Solo che temo d'esser sopraffatta da un'ondata di emozioni, tornando a correre (cosa che farò a breve, su e giù per il parco di Saint-Cloud, come sai).

Artemide_Diana ha detto...

Fibre rosse, certo.

Sai che ancora oggi ho "il colesterolo dell'atleta"? Quello "buono".

Il medico che mi legge le analisi e non conosce il mio passato sportivo mi fa: "Ma come fa?"

Ed io mi chiedo: "Ma come faccio?"

;)))

Bartleboom ha detto...

Si si, conosco il colesterolo buono dell'atleta.
Ma pensavo al parco di Saint Cloud: chissà la felicità di Mustang quando lo porterai a correre... :-)

fiamma ha detto...

che bella!
(5000 calorie? urgh)

Artemide_Diana ha detto...

Fiamma:
si son tutti scandalizzati (e hanno ironizzato sulla) alla fantanotizia delle 12000 calorie pro die di Michael Phelps...

Ma se io, semplice atleta, ne assumevo 5000, lui - otto volte medagliato olimpionico - non può prenderne 12000?

;)

fiamma ha detto...

fa paura la quantità di roba che fanno 12000 calorie!

Artemide_Diana ha detto...

Sì, ma guarda che a farne 5000 ci vuole niente.

Per me è una balla il dettaglio del cibo (tipo mezzo chilo di pasta a pranzo e mezzo chilo a cena, per es.) che hanno snocciolato... per arrivare a 12000.

Artemide_Diana ha detto...

se nel post clicchi su "5000 calorie", si apre un contacalorie.

Anonimo ha detto...

Io non so che cosa significhino 5000 calorie, tanto meno una corsa di un'ora - oggi come anche a 18 anni - pero' sono rimasto colpito dalla foto: che bellissima ragazza! e che sguardo angelico! Lasciamo perdere il colore delle fibre: c'è talora una docezza negli occhi che - come direbbe padre Dante - "intender non puo' chi non la prova". Gabe

isottanews ha detto...

Che bel post!

Artemide_Diana ha detto...

grazie, Isotta! :*

Artemide_Diana ha detto...

Gabe: tu sei di parte!

;)))

Marco Costanzo ha detto...

Mentre leggevo mi sembrava appropriato come sottofondo questa canzone
http://testidicanzoni.wordpress.com/2007/01/29/la-leva-calcistica-della-classe-68-de-gregori/

Marco

Artemide Diana ha detto...

Anticipandola di 10 anni, però (visto che la mia è la classe '58)!

Titti ha detto...

sono arrivata proprio per caso su questo blog, dopo aver letto il tuo immediato e semplice post, mi asciugo lacrime di commozione... forse perché mi ha ricordato i miei allenamenti di atletica quando ero ragazzina, il tartan bollente in estate delle tre fontane, lo sforzo degli ultimi metri, l'elasticità che sentivo nel mio corpo. Grazie.

Artemide Diana ha detto...

Grazie a te