mercoledì 6 luglio 2011

Come preparare la propria valigia

il trolley con cui vado ovunque da anni
Tempo di vacanze. 
Tempo di valigie.
Io viaggio da tanti anni. Chi mi conosce sa che miei viaggi sono spesso traslochi, visto che di tanto in tanto cambio Paese e cambio casa.
Ogni volta che mi sposto per davvero, mi sposto per almeno 1500 km. Mi sposto per un bel po': 1-2 mesi.Ma a volte anche per poco: 2 giorni, 1 settimana.
E ogni settimana mi sposto, per lavoro, e dormo fuori una o due notti.

Ma la valigia è sempre e solo quella, sempre e solo una. 

La scorsa settimana mio figlio è partito per gli Stati Uniti. Una  vacanza di 3 settimane, la sua. Gli ho consigliato di portare una sola valigia, di quelle piccole, di quelle che vengono accettate a bordo [bagaglio a mano], così - nella migliore delle ipotesi - non avrebbe perso tempo al recupero bagagli; nella peggiore, non gli avrebbero perso i bagagli. Naturalmente, recandosi negli USA, è stato necessario aggiungere il lucchetto TSA (clicca qui se vuoi saperne di più).
Ricordate che ogni volta che partite è indispensabile cambiarsi per 7 giorni, poi esistono
le tintorie, le lavanderie self-service oppure andate a stare in una casa con tanto di lavatrice e ferro da stiro.

Altra cosa: inutile portare cose che non mettete mai, perché pensate: non si sa mai..
Non le avete mai messe quelle cose (maglia, scarpe, pantaloni, giacchetto)? Ebbene, è assai probabile che non le metterete neppure in vacanza!
foto prelevata dal questo sito

Ricordate che se state fuori 15 giorni, 10 maglie sono troppe, 4 jeans sono troppi, 4 paia di scarpe sono troppe!!!
E poi NON partite per il deserto (e a maggior ragione se andate nel deserto non avrete da fare sfilate di moda).
Ricordate di portare cose che possono NON essere stirate, cose che non occupano tanto spazio, cose che potete raggomitolare su se stesse.
Le mutande si lavano anche in un lavabo: ne bastano 5 per un periodo che va dalla settimana ai 2 mesi. Lavatele via via...

Insomma, inutile riempire la valigia di cose superflue, solo perché temete di non portare tutto.

Non porterete tutto. Dimenticherete sempre qualcosa.
Anzi, è bene non portare tutto.

Magari potreste scoprire che dove andate vendono qualcosa che vi piace da morire, ma come fare... avete la valigia piena zeppa e in aereo non vi accetterebbero il suplus.

Ricordate di portare voi stessi, la vostra testa, le vostre gambe. E il vostro spirito.
Se poi ne difettate, può anche essere che laddove vi recate, se ne possa trovare in abbondanza.

Buone vacanze.

P.S. La valigia della foto, io la utilizzo per 2 persone.


4 commenti:

Clode ha detto...

Io che faccio sempre lo zaino, ho scoperto di non saper proprio fare la valigia... non son in grado, l'organizzazione della roba in orizzontale mi disorienta!!
Ma a fare lo zaino sono bravina: 15 kg di zaino per 17 giorni di campeggio in Inghilterra, più 5 giorni di vita casalinga a casa dei cugini! 15 kg (niente bagaglio a mano!)!! e ho portato a casa anche un po' di roba...
;)

Artemide Diana ha detto...

Clode cara, di come si fa uno zaino non so nulla.
Debbo dire però che eccello nello stipare in maniera "ottimizzata" il bagagliaio.

Me lo dico da sola: perfetto.

Clode ha detto...

Mary Poppins ci fa un baffo, eh?!
;)

Artemide Diana ha detto...

Senza contare che è stata un mio mito e che per anni, mi sono autoqualificata come «praticamente perfetta».
:))))))))))))))))